Vai al contenuto


Foto

Ma La Perdita Di Capelli Veramente Genetica?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
29 risposte a questa discussione

#21 Oibaf

Oibaf
  • Salusmaster User
  • 17 Messaggi:

Inviato 05 luglio 2016 - 11:52

Shon ti metto subito in guardia che l'alopecia androgenetica non è una condizione veramente arginabile, può essere solo combattuta, ma se una persona ha nel proprio corredo genetico questo 'problema' (io non lo definirei un vero problema alla fine), prima o dopo i capelli li dovrà perdere. I geni lavorano, ma sono più forti quando vengono appoggiati da fattori ambientali diversi e così vale per l'aga: lo stress, la cattiva alimentazione, la vita sedentaria, qualsiasi cosa essi siano sono elementi destabilizzanti per tutto l'organismo e quando il nostro corpo è in condizioni di fatica o malnutrizione, tutti i suoi sforzi son sempre rivolti alla cura e al mantenimento di almeno quegli organi che sono i più importanti per la vita, come il cuore e il cervello in primis; per fortuna e 'purtroppo', i capelli non sono un organo rilevante per la nostra salute, sono delle 'appendici', estensioni del nostro corpo, e pertanto sono in salute e benessere quando, a maggior ragione, lo è tutto l'organismo; oltretutto, i capelli al vertice sono la zona più periferica dell'organismo, dunque sono quelli che sono meno irrorati dai vasi sanguigni (o dove comunque i nutrienti faticano ad arrivare) , perciò ti dico che è una cosa quasi naturale perderli per vari motivi, sia semplice stress, o vecchiaia, o peggio l'alopecia. L'uomo (e la donna) soffrono di calvizie a livelli diversi, così come fra uomo e uomo la calvizie può 'mangiare' il frontale nel giro di un lustro o nel giro di mezzo secolo. Noi siamo tutti diversi e il nostro corpo risponde all'ambiente in modo variegato e spettacolare, eppure non possiamo mai per la nostra salute ignorare la nostra origine, il proprio passato storico familiare perchè, per essere un pò poetico, i nostri avi sopravvivono in noi e nelle nuove generazioni. I geni sono una lotteria.



#22 Ivan992

Ivan992
  • Salusmaster User
  • 86 Messaggi:

Inviato 05 luglio 2016 - 05:57

Ma che c'entra, se ce l'hai nel corredo genetico ma la curi subito dopo che si è manifestata dopo li mantieni e recuperi dove i bulbi sono ancora attivi.

Ovvio che il minoxidil è un farmaco che deve essere usato a lungo termine e quindi può essere sospeso per brevi tempi (ad esempio in estate, come sto facendo io e sto usando un'altra lozione) ma la calvizie si cura.

Tralasciando tutto il discorso e tutte le domande che uno si fa circa la genetica o meno, ma sai a me quanto me ne frega? Intanto sono in cura da nemmeno 1 anno e i miei capelli sono tornati foltissimi e doppi come prima grazie al minoxidil. 

Se poi stempierò di nuovo a 45-50 anni amen, che posso farci... ma non vorrei andare oltre la stempiatura e fino ad allora vorrei godermeli ma parlare di calvizie totale non si può perchè se ti curi non arrivi calvo, magari non avrai più i capelli foltissimi della giovinezza ma più o meno mantieni, calcolando che a tutti i capelli in vecchiaia si indeboliscono e un po' cadono, anche a chi non soffre di calvizie.


Messaggio modificato da Ivan992 il 05 luglio 2016 - 05:58


#23 Oibaf

Oibaf
  • Salusmaster User
  • 17 Messaggi:

Inviato 05 luglio 2016 - 11:13

Ivan se è così allora dovresti bene informarti se la tua è calvizie ereditaria o solo effluvio...



#24 shonfase

shonfase
  • Salusmaster User
  • 12 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2016 - 08:29

Ti do ragione,anche a me non interessa più di tanto conservarli per tutta la vita i capelli,infatti mi andrebbe bene se anche se li perdessi sui 40 anni,perché un uomo "vissuto" non si guarda dai capelli,ma da tantissime altre cose.Peró da questa età fino ai 30 i capelli sono veramente importanti,quindi perderli in questo lasso di tempo proprio non mi andrebbe

#25 Ivan992

Ivan992
  • Salusmaster User
  • 86 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2016 - 10:50

Oibaf ho calvizie ereditaria e secondo me ho avuto anche dei piccoli effluvi, ma comunque se avessi saputo che non avrei potuto fare niente allora non spenderei i soldi per il minoxidil.
Se poi altre persone non hanno potuto fare nulla perchè avevano una calvizie troppo aggressiva io non posso farci nulla...
Se volessimo togliere la base genetica ad ogni malattia non potremmo mai farlo perchè dovremmo cambiare dna ed è impossibile farlo. Di ogni malattia si curano i fattori ambientali (per quanto è possibile) e la sintomatologia.
I rimedi esistono e funzionano altrimenti le farmacie fallirebbero. Ovviamente quelli efficaci sono pochi perchè c'è da dire che il mercato ci gioca parecchio su questo problema ma il minoxidil e la finasteride sono ormai standardizzati in tutto il mondo e un motivo ci sarà, non credi?

#26 Ivan992

Ivan992
  • Salusmaster User
  • 86 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2016 - 10:53

Inoltre l'effluvio non si cura con i farmaci, mentre la calvizie sì. A me il minoxidil mi ha davvero fatto molto bene ai capelli. Sono consapevole che le terapie durano a vita, ma mettersi una lozione in testa è come lavarsi i denti, diventa un'abitudine e magari lo farò senza nemmeno accorgermene.

#27 shonfase

shonfase
  • Salusmaster User
  • 12 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2016 - 08:52

Ne approfitto per farvi una domanda,sapete se ci sono popoli che sono più soggetti a calvizie?Cioe ad esempio è risaputo che i russi sono più soggetti a calvizie dei cinesi;sapreste spiegarmi cosa c'è alla base di questa statistica e se è effettivamente vero,perché io sono russo,e mi sorprende che nessun membro della mia famiglia sia affetto da questo "problema".

#28 Oibaf

Oibaf
  • Salusmaster User
  • 17 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2016 - 09:12

Legate ai popoli vi sono usanze e tradizioni diverse...credo che l'aspetto culturale sia molto importante, magari anche quello ambientale perché, senza ricordare che siamo tutti della stessa specie, differenze fisiche e genetiche vi sono e come. In alcuni popoli l'uomo con i capelli lunghi è sinonimo di trascuratezza, di squallore (per esempio nella società occidentale, nel mondo del lavoro, o comunque un estetismo adatto solo ai giovani e alle donne), mentre in altre magari meno 'evolute' è sinonimo di virilità e salute fisica. Un fattore importante è comunque legato all'alimentazione e allo stile di vita: l'uomo moderno (strettamente quello occidentale, l'uomo bianco), negli ultimi secoli ha letteralmente rivoluzionato il concetto di vivere e comunicare, non credere che le tecnologie siano immensamente buone: la sedentarietà e lo stress 'canonico' sono estremamente dannosi per molti motivi, la dieta ultrazuccherosa e ultraproteica che portiamo avanti da degli effetti a lungo termine non insignificanti, di fatto negli ultimi anni come puoi ben sapere nella nostra società si sono diffuse in percentuali mostruose patologie nei secoli scorsi non dico rare, ma nella norma: obesità, arteriosclerosi, tumori, depressione e come se non bastasse malattie neurodegenerative come l'Alzheimer o il Parkinson...la modernità ha il suo prezzo, ed è il nostro disagio. Ammesso che la sensibilità dei nostri capelli sia legata a fattori genetici, sicuramente l'ambiente inquinato, rumoroso e malsano in cui viviamo più o meno tutti contribuisce al loro progressivo degrado, e condivido il pensiero di coloro che credono che anche la calvizie sia una malattia 'moderna', o meglio legata alla civiltà.

Credo che l'uomo bianco sia soggetto alla perdita maggiore dei capelli sostanzialmente per questi motivi, dunque stile di vita nel complesso, dove gioca un ruolo importante soprattutto la dieta e lo stress del mondo lavorativo. Quando parliamo di popoli asiatici, constatando che sì, gli uomini lì sembrano avere più capelli, bisogna comunque ricordare che le differenze culturali tra 'noi e loro' esistono, non siamo un continuum; la cucina asiatica di solito è poverissima di carni rosse e latticini, fa leva su carni bianche, verdure e pesce, e non possiamo comunque ignorare possibili differenze genetiche, magari per quei popoli i capelli sarebbero serviti di più (motivi ambientali) così come mantenere gli occhi a mandorla e una cavità nasale più grande; inoltre i popoli asiatici storicamente parlando hanno conseguito lo sviluppo tecnologico che oggi conosciamo dopo la civiltà occidentale, hanno abbracciato forse dopo quello stile di vita caotico e stressante che ci appartiene da più tempo. Se penso a uomini con capelli folti io penso automaticamente agli indiani (quelli con il puntino in testa e quelli senza), cioè agli indiani d'america e gli indiani veri e propri; in molte foto o ritratti storici si vedono sempre uomini con capelli lunghi folti e lisci (anche anziani), e credo che, magari vi sono di mezzo anche motivi genetici, ma il loro stile di vita fosse più salutare per il corpo in genere, dunque anche per i capelli, eppure non avevano cattedra e computer, non so se mi spiego.


Messaggio modificato da Oibaf il 07 luglio 2016 - 09:13


#29 shonfase

shonfase
  • Salusmaster User
  • 12 Messaggi:

Inviato 08 luglio 2016 - 02:48

Salve approfitto della vostra partecipazione per farvi una domanda che non c'èntra con l'argomento calvizie,cioè la crescita della barba.Cioe so che non ci sono metodi naturali per farla crescere,e che esistono solo trattamenti ormonali altamente sconsigliati.Quindi vi chiedo se raderla spesso aiuta a farla crescere(intendo crescere per la prima volta,perché ancora non l'ho),perché ho trovato notizie altamente discordanti e vorrei i vostri pareri in merito.Grazie

#30 Markus81

Markus81
  • Salusmaster User
  • 7 Messaggi:

Inviato 25 luglio 2017 - 03:13

Salve, ma lo stress può portare in maniera indipendente ad una sensibilità al dht come in un androgenetica ? Cioè riformulo: un soggetto che non ha un androgenetica ereditaria può diventare sensibile al dht esclusivamente per lo stress ? Grazie :)




2 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 2 ospiti, 0 utenti anonimi