Vai al contenuto


Foto

Glutammina O Non Gluttamina?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 marta23

marta23
  • Salusmaster Newbie
  • 2 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2010 - 10:52

Salve, riporto un testo di un nostro "Forumista" che diceva?

"Sperando di non ripetere l'argomento di altre discussioni, sottopongo alla vs attenzione alcuni stralci di studi di correlazione tra la glutammina in dosi eccessive e le eccitotossine!e chiedo pareri grazie


L'eccitotossicità è un fenomeno di tossicità neuronale conseguente all'esposizione a concentrazioni relativamente alte di acido glutammico (50-100 μM). Il fenomeno risulta particolarmente importante perché il glutammato è il principale neurotrasmettitore eccitatorio a livello del sistema nervoso centrale. L'applicazione locale di glutammato a livello di sezioni di cellule neuronali induce degenerazione a livelli dei corpi cellulari vicini al sito di iniezione, mentre risparmia le fibre assoniche. Anche l'iniezione di acido kainico (agonista dei recettori al kainato dell'acido glutammico) è capace di indurre neurotossicità. L'effetto del kainato si esplica però indirettamente, tramite depolarizzazione del neurone su cui è localizzato e conseguente aumento del rilascio di glutammato dalla terminazione sinaptica. Sarà quindi il glutammato, tramite interazione con i recettori NMDA del glutammato (sottotipo di recettori ionotropici del glutammato sensibili al N-metil-D-aspartato), a determinare tossicità a causa dell'aumento di concentrazione di Calcio (elemento) nel neurone postsinaptico. L'aumento del calcio intracellulare determina infatti alterazioni nella permeabilità della membrana mitocondriale ed attivazione della caspasi citosoliche (apoptosi). Il meccanismo della eccitotossicità sembra implicato nella patogenesi di numerose malattie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson e la corea di Huntington, e nel danno neurale conseguente a grave ipossia, come nel caso di ictus e arresto cardiaco con grave ipoperfusione cerabrale (l'ipossia sembra determinare infatti aumento dell'attivazione dei recettori al glutammato).La supplementazione con glutammina è utile o nociva?

Di Russell L. Blaylock, M.D.
Advanced Nutritional Concepts, LLC.


La glutammina è convertita nell’ eccitotossina glutammato all'interno dei neuroni. Numerosi studi recenti così come pure nel manuale Siegel’s Basic Neurochemistry enfaticamente si afferma che la fonte principale di glutammato proviene dalla glutammina cerebrale. Normalmente, quando il cervello finisce di usare il glutammato per la comunicazione chimica fra le sue cellule, a livello sinaptico il glutammato è acquisito dalle cellule gliali circostanti e cambiato dalla glutammino- sintetasi in glutammina e così immagazzinato.

Il Problema Con le Eccitotossine

La glutammina è quindi trasportata al neurone ed è convertita in glutammato (eccitotossina potenziale) dall’enzima glutaminase . Potenziale perché, a meno che non si accumuli fuori dalle cellule cerebrali, è inoffensivo.

Questa è la fonte principale di glutammato all'interno del cervello. Le eccitotossine sono solitamente amminoacidi, quali glutammato e aspartato. Questi speciali amminoacidi inducono le particolari cellule del cervello a diventare eccessivamente eccitate, al punto da morire rapidamente. Le eccitotossine possono anche causare una perdita delle sinapsi del cervello e delle fibre connettive. Additivi come MSG, aspartame, proteine idrolizzate ed estratti di proteine della soia generano eccitotossine.

In due studi recenti è stato trovato che la quantità di glutammina cerebrale potrebbe predire i danni cerebrali visti sia nelle lesioni pediatriche del cervello sia nel danno cerebrale secondario ad ictus. L’apporto elevato di glutammina con la dieta aumenta significativamente i livelli cerebrali di glutammina e, quindi, di glutammato. Un altro studio ha scoperto che, aggiungendo glutammina nella dieta di animali esposti ad un altra potente eccitotossina denominata acido chinolinico, arrecava danni significativamente maggiori alle cellule cerebrali e Si sa che l'acido chinolinico si accumula nel cervello."



Non posso non dire che sono spavantata, molto spaventata.
Purtroppo non ho capito quale sia la risposta dell più o meno tossicità dell'integrazione nella dieta di glutammina, soprattutto in quale quantità o se è sempre pericolosa.
Appunto giorni fa ho cominciato ad assumerla, per vedere di rilassarmi un po più a causa di stress, circa 6g al giorno (sono una ragazza di 60 kg).
Purtroppo soffro un po di tachicardia e leggendo mi è presa un po di paura!!

#2 minoxidil2

minoxidil2
  • Utenti Esperti
  • 3888 Messaggi:
  • Sesso:Maschio

Inviato 08 luglio 2010 - 09:31

se non pratichi un' attività fisica tale da giustificarne l' impiego, eviterei di prenderla. Ma ciò vale per qualsiasi tipo di integratore, non solo per la gluta.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi