Vai al contenuto


MEGASESSION - Omaggio al prof. Carlos UEBEL


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1 Guest_Dott. Morselli_*

Guest_Dott. Morselli_*
  • Ospite

Inviato 15 maggio 2003 - 09:12

Il mio entusiasmo per la chirurgia della calvizie è nato alla fine degli anni ’80, quando vidi operare in Brasile il prof. Carlos Uebel, professore associato di Chirurgia Plastica alla Pontifícia Universidade Católica di Porto Alegre, che eseguiva autotrapianti di capelli con micro- e minigraft.
In passato il prof. Uebel, allievo dell’argentino prof. José Juri di Buenos Aires, aveva già notevolmente contribuito al progresso della chirurgia della calvizie perfezionando la tecnica di rotazione dei lembi inventata dallo stesso Juri, semplificandola con l’”angular flap”, che riduceva ad una sola le sedute necessarie e dava risultati estetici decisamente più accettabili.
Dopo aver abbandonato le “scalp reductions” proposte da Thomas Alt e Martin Unger che davano grosse cicatrici, parzialmente mitigate poi dall’applicazione dell’estensore di Frechet, e provocavano la ricomparsa della calvizie (il cosiddetto “strech-back” effect), la sua attenzione si rivolse ai lavori sui micrografts di Rolf Norström e Emmanuel Marrit.
Questi autori proponevano di inserire minuscoli grafts per migliorare la linea frontale e correggere le cicatrici da ustione. Uebel cominciò a utilizzare la stessa tecnica combinandola ai lembi di rotazione, per mascherare con i micrografts le vistose cicatrici frontali provocate dai lembi.
Da ciò nacque in lui l’idea di utilizzare notevoli quantità di mini- e micrografts da inserire in un’unica seduta (megasession) sull’intera area calva, in sostituzione sia dei lembi di rotazione che delle scalp reductions.
Il “progetto megasession” cominciò nell’’82 e divenne la tecnica di riferimento presentata dal prof. Uebel in numerosi congressi e meeting scientifici, e pubblicata su riviste e testi d’importanza internazionale. In seguito, grazie all’introduzione di nuovi materiali e strumenti e all’identificazione delle unità follicolari la tecnica si è perfezionata, fino al raggiungimento degli elevati standard odierni che consentono di posizionare migliaia di capelli in una sola seduta, e alla sua universale accettazione quale mezzo chirurgico più valido attualmente disponibile per la correzione della calvizie.
Nel 2000 il prof. Uebel ha ricevuto per le sue ricerche il “Platinum Follicle Award”, massimo riconoscimento della ISHRS (International Society of Hair Restoration Surgery), che pochi ricercatori non americani hanno ricevuto dalla costituzione della società: nella motivazione del premio, attribuitogli per la sua attività pionieristica nel campo della chirurgia della calvizie, lo si definisce “un ricercatore, padre della megasession, che negli anni ’90 ha dato assieme a Bob Limmer il più importante contributo alla nascita dell’era moderna della hair transplantation”.
Se oggi i chirurghi della calvizie di tutto il mondo possono proporre con tranquillità questo valido rimedio ai loro clienti, ciò in buona parte è dovuto alle intuizioni e all’opera pionieristica di questo geniale ricercatore brasiliano.
La produzione scientifica del prof. Uebel è disponibile a richiesta.
Dott. M. Morselli




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi