Jump to content

Ansia


Recommended Posts

..sembrate moglie e marito..

va beh..

senti Ari.. Che cosa prendi? Un ansiolitico suppongo!

Quanto ne prendi?

Stai tranquilla che passa!

Io, al contrario del sig. Rezza Capa, ho sofferto, come te daltronde, in modo continuato di ansia. E' vero che è importante avere interessi, conoscere persone, credere in se stessi... come è anche vero che è utile,come nella depressione, l'aiuto di uno psicologo.. La realtà è che una persona con un minimo di sensibilità e coscenza non può non soffrire di qualcosa! (parlo di ansia,depressione,ulcera, disturbi digestivi.. mali psicosomatici insomma! (pare che anche l'ulcera lo sia, come la pseoriasi..)... mamma mia mi esprimo come un cane..

..petta.. volevo dire..

Per come va il mondo non è "risolvibile" in senso stretto del termine questo male.

Non esiste un coctail di buoni consigli o medicinali che lo facciano passare da un giorno all'altro... (sempre peggio... ora mi esprimo come tarlo..)

Mi sento di darti un consiglio datomi da una persona molto preparata a rigurdo (dr.Viscanti).. Non cercare di "combattere" l'ansia, fa parti di te e del tuo modo di "intendere" la vita. Cerca di non opporti quando senti che sta "salendo"..

più o meno disse così..

E' più di un anno che non prendo un ansiolitico, che però resta sempre nella mia tasca destra! Capisci cosa intendo!?

Un bacione e stai tranquilla!

 

LittleBastard

Link to comment
Share on other sites

non mi riesce accettare di prendere delle pasticche, soffro ed è sicuramente più difficile la mia giornata...però non intervengo sulla mia naturale personalità...

 

...e portati uno snack al lorezapan per spezzare l'appetito a metà mattinata,vuoi mettere!!! :lol: :lol:

Link to comment
Share on other sites

..perchè ricorrere sempre così con tanta facilità alle pasticchine dello psichiatra? Tantissimi miei amici hanno sempre dietro un antidepressivo, calmante...ma..secondo me non è normale...

chi ha un ritmo di vita frenetico e il tempo organizzato in modo stretto, alla fine o prende la pasticchetta o scoppia.. e' impensabile che trovi il tempo per far riflessione su di se', seguire una psicoterapia, rilassarsi facendo sport, guardarsi dentro e respirare a fondo, ecc. quando magari le cause alla base del suo stress sono nel suo stesso stile di vita, da cui non puo' staccarsi. Alla fine si prende la pasticchina e via.

Personalmente sono contro le pasticchine, lo ho gia' detto, l'ideale sarebbe mettersi nelle mani di un bravo psicologo e vedere se il problema si puo' risolvere senza intervenire chimicamente. Nel caso in cui non si possa, allora si passa allo psichiatra e alle cure farmacologiche. In ogni caso non vanno sottovalutati i problemi mentali che danno riflessi diretti sul corpo (come ansia, depressione, sbalzi d'umore), perche' sintomi di disagio, malessere o vere e proprie malattie, e col tempo generalmente non tendono a migliorare o a risolversi da sole.

In USA ci sono addirittura gli psicologi aziendali, da cui i dipendenti sono OBBLIGATI ad andare periodicamente.

Link to comment
Share on other sites

Ciao tutti,non pensavo di scatenare tutto questo....dunque ora vi spiego il mio punto di vista....io ho 20 anni(quasi 21)e sinceramente non avrei mai pensato di arrivare a quest'eta'ed avere questo tipo di problema,daccordo ho avuto una relazione sbagliata che ha influito molto ma gia'dentro di me evidentemente qualcosa non andava....io studio psicologia(ora mi sono presa una pausa)e sono sempre stata contro i farmaci,non mi riferisco solo a psicofarmaci ma a qualsiasi tipo di medicina,anche un'aspirina per il raffreddore..perche'si sa le medicine ti aiutano da una parte e ti distruggono dall'altra....ma a maggio 2003 quando mi sono ammalata...non c'erano alternative...pensavo di impazzire..credetemi chi non ci e'passato non puo'capire..so che le medicine da sole non risolvono il problema,infatti io mi sto facendo aiutare anche da una psicologa...ma anche questo non basta...sapete qual e'la cosa piu'importante?..la VOLONTA'....se perdi quella e'piu difficile guarire...l'ansia e'una lotta contro se stessi.....oltre alle medicine e alla psicologa devi metterci del tuo...questo l'ho capito a mie spese...so che ci sono problemi piu'gravi,so che un problema di ansia non e'nulla in confronto ad una schizzofrenia ma tutto comunque parte dal cervello e se a me manca un po'di seratonina non vedo il perche'non dovrei prendere i farmaci che la contengono...se questo serve a stabilizzare i legami chimici del mio cervello,un diabetico prende la sua dose di insulina e io prendo i miei farmaci ma ripeto non sono quelli che ti fanno guarire......grazie per essere intervenuti in tanti.......scrivetemi..mi fa piacere leggere i vostri pareri...un bacio!!

Link to comment
Share on other sites

Io ho sofferto sulla mia pelle un attacco acuto di panico e indirettamente l'ansia giornaliera di un mio caro amico che è stato imbottito di farmaci per 10 anni, ed ancora oggi ha gli stessi problemi di quando ha cominciato a soffrirne.

Arj ha chiesto un consiglio ed io ho dato il mio in base alla mia esperienza personale, senza assurgere al ruolo di onnipotente para-psicologo.

Esco quindi dalla discussione, perchè:

1) anche solo parlare del problema mi fa male;

2) sembra che anche di fronte a una questione così delicata ci siano sempre i soliti nati saggi e tuttologi.

ciao arj e in bocca al lupo. :quadrifoglio:

Link to comment
Share on other sites

Cara Ari, io ho quasi la tua stessa età (19-20 anni),ti capisco profondamente ed hai tutta la mia solidarietà, per che anche io sto vivendo quella sensazione di completo distacco dalla realtà (che comunque desidero vivere normalmente) che probabilmente stai vivendo tu.

 

Da quando mi sono iscritto all'università soffro di ansia e apatia di vivere, secondo una mia autodiagnosi sono un po' depresso (nel senso clinico del termine)....e se nn riesco ad uscirne andrò da uno psicologo per fare una diagnosi specialistica.

Sondando profondamente in me stesso ho trovato le ragioni del mio stato d'animo, ed ho capito che sotto più fronti le aspettative che avevo per la mia vita sono state deluse e il fatto che queste siano state deluse tutte assieme e nel momento in cui vedevo (e vedo tuttora irraggiungibile) la possibilità concreta di realizzarle ha, come dire "picconato", "demolito", la mia intera identità e visione del mondo.

Ed ora come diceva Quelo..."brancolo nel buio", anche uno dei motivi preponderanti per cui sto male è ahimè quello dei capelli a cui nn potrò mai dare una soluzione definitiva e soddisfacente al 100%

 

Ho avuto crisi del genere a 15 anni e per fortuna sono riuscito a superarle e "nn con gli psicofarmaci", ma facendo un profondo lavoro per superare le mie paure e le mie inquietudini AFFRONTANDOLE a viso aperto: sono uscito talmente bene che le cose che mi facevano venire ansia e depressione sono diventate parte integrante ed assolutamente innoqua della mia identità; ed addirittura oggi ringrazio quella crisi perchè mi ha fatto crescere e acquisire una sensibilità che altrimenti nn avrei potuto avere

 

Ora io nn ti voglio dire che questa soluzione sia valida anche nel tuo caso ( se uno specialista serio ti dice e ti dimostra che le cause del tuo malessere sono chimiche , è giusto che tu lo risolva con psicofarmaci)però voglio dirti questo: per quanto tu possa farlo lavora su te stessa perchè hai solo 20 anni e se tu riuscissi ad uscirne da sola acquisiresti un'autostima e una carica tale che le successive difficoltà della tua vita "te le mangi in un boccone"!!

Come con la varicella..una volta che l'hai fatta nn ti viene più :D !

 

Quindi sonda in te stessa, e se sei convinta che la causa scatenante della tua ansia è la tua storia cn questa persona, lavora su questo fatto, individua il tuo bisogno profondo nn lasciandoti condizionare soprattutto da te stessa:visto che studi psicologia, elimina tutte le censure del tuo super-io...apri una corsia preferenziale con il tuo subconsio e lasciala sempre aperta e godrai molto meglio anche delle altre cose della vita.

 

Forza e coraggio ari, nn demordere trova te stessa. Solo le persone superficiali nn soffrono e nn stanno male...e forse quelle che più riflettono e usano la zucca soffrono di più!

Ciao BAcioni!!!

p.S

Fai psicologia a Milano?Se si com'è la facoltà?

Link to comment
Share on other sites

ari e' esattamente come dici tu.

 

se c' e' un deficit di serotonina non si puo' credere che con preghiere santini o introspezioni si liberi questa sostanza nel cervello :blink:

 

ti consiglio di fare attivita' fisica iscriviti in una palestra magari anche correre cmq non ti fara' male

 

ti chiedo x curiosita' fumi o bevi caffe'?

Link to comment
Share on other sites

Ciao caparezza,grazie per i tuoi consigli e crepi il lupo!Se ti va di darmi ancora qualche consiglio o se io posso dartelo scrivimi pure lo stesso io sono qua con la mia sofferenza ma con la voglia di aiutare un bacio ari! :fiorellino:

Link to comment
Share on other sites

Ciao pullmeunder,dunque mi ritrovo in molte cose che hai scritto....io penso che la storia con il mio ex ragazzo sicuramente non mi ha giovato,diciamo che e'stata la ciliegina sulla torta ma gia'qualcosa prima forse non andava...si e'vero io prima di "ammalarmi"ero una ragazza allegra,piena di vita...ma sempre molto insicura e ansiosa di mio...poi forse come e'successo anche a te....le cose non sono andate come te le aspettavi quando avevi 16 anni.....e'stato un mix di cose che alla fine mi ha fatto esplodere e son daccordo con te quando dici che se riusciro'a uscire da questa situazione acquistero'una sicurezza e un'autostima mai avute prima...per quanto riguarda te,il mio consiglio e'quello di andare da uno specialista,vedrai ti aiutera'molto nel percorso che devi fare..portroppo noi siamo persone troppo sensibili,agli insensibili queste cose non succedono....!ps:non non studio a milano un bacione ari :) :)

Link to comment
Share on other sites

Ciao testaverde,si infatti e'inutile che le persone dicono che non bisogna prendere gli psicofarmaci...se quella sostanza mi manca che ci posso fare?E'anche vero che non si guarisce solo con le medicine...questo bisogna dirlo.......contemporaneamente all'assunzione di farmaci e'importante che ci sia un sostegno psicologico e poi come ho gia'detto ...tanta tanta volonta'....!ps:si fumo ma da quando ho questo disturbo non ho piu'bevuto un caffe'...ci manca solo quello !!un bacione ari :okboy:

Link to comment
Share on other sites

  • 6 months later...
  • 2 weeks later...

Ciao come te anche io ho sofferto pesantemente di Ansia forte per anni circa 4 pero' la mia causa era fisica sono un portatore di Artrite reumatica e ti posso garantire che mi aveva quasi paralizzato una gamba e a 20 anni non e' bello poi ho passato anni a recuperare fisicamente con cure farmacologiche e tanta ginnastica e dolore.

Naturalmente mi sono dovuto far aiutare da uno psicologo che ha compreso in pieno il mio problema e le difficcolta' che avevo infatti mi ha fatto lavorare di testa

tantissimo tanto da far si che con l'aiuto anche di farmaci che la mente avesse la meglio su tutto , nel limite del possibile.

La mia esperienza personale che considero oro , credo che possa esserti di aiuto.

La prima regola e' non mollare mai anche se ti capitano giorni bruttissimi, se oggi

non va bene non fa nulla domani andra' meglio si ricomincia la sfida per la vittoria

finale.

E poi io sono sempre stato contro gli psicofarmaci e ne ho usati pochi , ma comunque per superare gli ostacoli li usavo per allennare la mente a vincere le

paure e ti posso garantire che dopo non li usi piu'.

Percio' non ascoltare gente che crede che con la forza di volonta' si possa far tutto senza l'aiuto di farmaci ,usali nella giusta maiera e non farti problemi.

L'importante e' iniziare ad abituare la mente a vincere le paura e ti posso garantire che e' come rinascere poi, la mente e' una macchina che agisce di logica.

Devi riabituarti a vincere con l'aiuto dello specialista , della famiglia e di te stessa

ricorda sei sempre tu che scegli cosa fare alla fine.Tu scegli lo psicologo, tu sceglie se e' giunto il momento di vincere le tue paure insomma anche se sei a pezzi la voglia di riprenderti e' sempre con te'.

Prima ti rendi conto di cosa hai e di cosa soffri cose' l'ansia e come agisce per farti star male e arrivverai poco alla volta con alti e bassi quelli ci sono ed e' normale

ad iniziare a vincere e a riprenderti.

Poi come dicevo a me stesso se un'altro essere umano un'altra persona ha battuto l'ansia allora anche io posso batterla e cosi' e stato con il tempo circondato dalle giuste persone che mi seguivanoe mi aiutavano e grazie molto alla mia famiglia.

 

ciao spero di esserti stato d'aiuto e buona fortuna. :D

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...