Jump to content

Eevan

Salusmaster User
  • Content Count

    26
  • Joined

  • Last visited

  1. 40 euro sono ancora troppo pochi, in Italia, per sperare di comprare il Toppik autentico. Con la conf. da 27 grammi si va sui 51 - 52 euro, a seconda del rivenditore (autorizzato).
  2. Considera che nello shop del sito originale americano, la confezione da 27 grammi è venduta a quasi 47 dollari http://www.toppik.com/shop/hair-fiber(è la confezione denominata "economy"). Al cambio attuale, sono quasi 42 euro. E in America, il Toppik originale si compra al prezzo migliore. Sicuramente hai beccato le ciofeche cinesi. Comunque tranquillo: ci siamo cascati in tanti agli inizi, non sono male, e l'importante è che ti ci trovi bene. Se e quando deciderai di passare al Toppik originale, noterai il salto qualitativo rispetto alle imitazioni cinesi.
  3. Che vuole che le dica...evidentemente, io ho una capigliatura più folta. Impiegare 15 minuti per ogni applicazione, mi sa più di "accanimento terapeutico" che altro. In due minuti, io riesco ad ottenere un risultato perfetto. Il problema dei riflessi "strani" con alcuni tipi di luce ci può essere con le imitazioni cinesi, oltre al fatto di essere troppo scure e opache. Il Toppik originale si fonde col colore naturale dei propri capelli, e personalmente non ho mai notato stranezze cromatiche di alcun genere. Quanto alla barba, la mia probabilmente presenta delle condizioni ideali per un "rinforzo" col Toppik: è già abbastanza folta, ma 5 secondi di applicazione per guancia, quindi leggera, la rendono praticamente perfetta. Ma chi ve lo ha detto che è una zona più difficile da trattare...?
  4. La barba la devi avere comunque, e nella grande maggioranza dei casi, non presenta i problemi di alopecia o grande diradamento che hanno, al contrario, i capelli. Non ci vuole poi tutta 'sta materia grigia per capire che se uno ha il viso glabro o quasi, il Toppik non lo deve usare. Anzichè mugugnare commenti acidi e inutili, uno potrebbe provare su se stesso, e postarci le sue impressioni. Se poi non è contento: acqua, sapone, e via tutto. Per la cronaca: sulla mia capigliatura o sulla cute, il Toppik non si vede, probabilmente in parte perchè il mio diradamento non è grave come altri casi qui, in parte perchè dipende dall'hairstyle utilizzato, e forse anche perchè ho imparato ad applicarlo correttamente.
  5. Funziona benissimo anche sulla barba: il toppik non si scorgerà neppure a distanza ravvicinata. Utile nelle zone dove la barba cresce meno folta. Se ti accorgi di averne applicato un po' troppo, o di averlo applicato a chiazze, spazzola DELICATAMENTE (non arrivare a grattare la pelle con le setole della spazzola) e brevemente per uniformare il tutto. Puoi anche applicare un velo di fissatore Toppik (giusto una spruzzatina per guancia): per un minuto senti "tirare" un pochino la pelle, poi è come se non avessi messo niente sul viso. Applicato in questa modalità, non sporcherai nè il colletto della camicia bianca, e neppure la fodera del cuscino. Dura due o tre giorni.
  6. Le foto non servono a niente, basati sulle testimonianze. Se preferisci credere a chi ti dice che le microfibre non solo non causano caduta di capelli, ma addirittura migliorano la situazione, sei libero di farlo, come tutti.
  7. Battuta stantìa e logora. Usate il cervello, sempre che sia possibile.
  8. E' esattamente ciò che cercavo di dire. In generale, direi comunque che è meglio attenersi all'esperienza personale, piuttosto che ad ipotetiche e non confermate "prove scientifiche".
  9. Non credo di saperne più degli altri su alcunchè. Però, sono convinto che se un utente si affaccia qui per chiedere dei consigli, lo fa confidando nella nostra personale esperienza con questi prodotti, non in ciò che affermano questi ipotetici e paludatissimi "Centri di Ricerca Scientifica", o i "migliori dermatologi". E siamo sicuri che questi Centri di Ricerca sul capello siano del tutto disinteressati? In generale, è l'industria cosmetica che finanzia le suddette ricerche. Magari c'è un conflitto di interesse...?
  10. La penso come te. Una capigliatura in via di diradamento, presenta sempre capelli sottili e facili alla caduta dovuta a stress meccanici esterni. Logico che una lacca forte, o un gel particolarmente duro, siano molto più dannosi su un uomo con problemi di alopecia incipiente, piuttosto che su una donna, che statisticamente e per ovvii motivi naturali, ha capelli molto più folti, forti e vigorosi (non sempre, ma quasi sempre).
  11. Sul web troverai una marea di testimonianze opposte, in tutte le lingue. Saremo mica tutti visionari...?
  12. Scusami, ma la tua singola, personale esperienza non vale come prova scientifica generale. Invece, rilevo su internet i commenti di una miriade di utenti (anche in questo sito) che lamentano un diradamento dei capelli successivo al trattamento prolungato con le microfibre. Dunque, il quesito si pone. Eviterei prese di posizione assolute, evocando la "scienza" per affermare le proprie tesi (quella stessa scienza che fino a qualche anno fa decretava i cellulari, i cordless e il wireless come innocui sistemi di comunicazione. Peccato che, nel frattempo, tutti i costruttori siano ricorsi a stratagemmi vari per ridurre al minimo l'intensità delle onde elettromagnetiche emesse da questi dispositivi. Basti vedere gli ultimi cordless DECT, con la funzione "Eco", che abbatte di tantissimo l'emissione radio).
  13. Cara Sibilla: microfibre o cotone, fa poca differenza, anche perchè in quel mese di 'test' le ho alternate. Il problema sono probabilmente gli eccipienti utilizzati: coloranti, silica-gel per evitare che le polverine si raggrumino, e altre cose misteriose e segrete. Non diciamo poi che la lacca è innocua: ho visto donne spelacchiate e diradate a 30 anni a causa di un uso normale di lacche normali, normalmente in commercio. Poi, dipende molto dalla costituzione del capello e dal suo ancoraggio alla cute, che può essere più o meno forte. Ma la lacca, il gel e tutte le collosità applicate ai capelli (soprattutto quelle forti o molto "dure") sono assolutamente deleterie. Ricordo un mio collega universitario che eccedeva nell'uso del gel: in 4 anni si è ritrovato mezzo calvo. L'ho incontrato da poco, e sfoggiava una folta, invidiabile capigliatura: aveva semplicemente smesso di applicare qualsiasi robaccia ai capelli ;-)
  14. L'estate scorsa ho sperimentato un mese di fila di Toppik sulla testa. Andavo a dormire con le microfibre sui capelli, e il mattino dopo davo un ritocco, quando necessario, usando anche la lacca Toppik come fissativo. Devo dire che l'esperimento è stato fallimentare: mi ritrovo con molti meno capelli rispetto al mese precedente, e soprattutto ho notato che ne cadevano abbastanza nella doccia mentre mi lavavo: cosa mai successa prima. Dò il mio modesto parere: se non ci si trova in situazioni che obbligano ad un camuflage continuativo, raccomanderei senz'altro di lavare i capelli al rientro dal lavoro tutte le sere, e lasciar respirare la cute durante il sonno. Io uso acqua quasi fredda (chiude i pori e rende più difficile la perdita del capello dal follicolo), poco shampo delicato (o addirittura un tuorlo d'uovo al posto dello shampo: sembra incredibile, ma lava bene ed è naturale!) ed eviterei l'asciugatura col phon. Sono quasi certo che l'azione combinata delle microfibre e della lacca (la quale, per quanto possa sembrare leggera, crea una continua azione di trazione e addirittura di strappo sul capello, esattamente come una qualsiasi lacca, o vernice, o colla) favorisca la perdita dei capelli. Ho anche notato che (per quanto siano corti) i capelli appaiono ora come sfibrati e pronti a spezzarsi. Non escluderei una leggera azione abrasiva delle microfibre sul fusto del capello. Usate la quantità strettamente necessaria di fibre, cercando di limitare al minimo possibile la caduta sulla cute. E non esagerate con la lacca: tre spruzzate su tutta la chioma bastano e avanzano.
×
×
  • Create New...