Jump to content

ermeijo

Salusmaster User
  • Content Count

    14
  • Joined

  • Last visited

About ermeijo

  • Birthday 07/14/1990

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  1. ciao paolo. grazie mille della risposta. sei stato quasi illuminante! comunque a quanto vedo non sei l'unico che si è visto rigenerare una chioma in seguito alla ciclosporina. madonna mia, ti giuro. con 3 mesi di ciclopsorina ero ritornato un capellone, per dì più moro (io che sonos emrpe stato castano) è incredebile l'effetto della ciclosporina sui capelli: dal barbiere ogni mese a causa della rapida crescita dei capelli, il forte inscurimento di questi (vellus comrpesi), il generale effetto estetico di reinfoltimento su tutta la chioma, capelli più spessi, più lisci, e più pettinabili. è incredibile che non si facciano ancora studi su questo farmaco. in 3 mesi con la ciclosporina, ho ottenuto in termini di ripigmentazione e ricrescita dei risultati pari a quelli che avrei ottenuto con un anno (se non di più) di finasteride. comunque ritornando alla tua domanda: la finasteride mi è stata interrotta, più ke per i possibili effetti che avrebbe avuto sul rene, per quelli che avrebbe avuto sul metabolismo dei farmaci, dato ke gli immunosoppressori che prendiamo vengono metabolizzati dallo stesso enzima che metabolizza la finasteride. quindi il mio medico per precauzione (non sapendo assolutamente nulla del farmaco, ma semplicemente leggendo nel bugiardino la farmacocinetica di quest'ultimo)me lo ha sospeso. e lo vuoi sapere qual'è il guaio? che mi hanno sospeso pure quella mano santa di ciclosporina (perkè i livelli ematici risultavano troppo instabili) per sostituirmela col prograf (che invece i capelli li fa cadere) guarda, ora come ora sono un pò disperato. i capelli reggono ancora, ma si vede che si stanno inevitabilmente dirigendo verso la via della desolazione. ahahahahhahaha. senti paolo, volevo farti un paio di domande: a 21 anni già si vedeva che eri diradato? come si era risolta la situazione dopo l'assunzione di ciclosporina? come e per quanto tempo è riuscita a mantenerti in buono stato la chioma pur senza usare la fina ? inoltre: la finasteride l'hai cominciata dopo l'interruzione della ciclosporina, o c'è stato un periodo in cui hai assunto i due principi attivi contemporaneamente? (no ti spiego. praticamente la ciclosporina in quanto ad effetti si comporta esattamente come il minox. e la mia curiosità era: se già di per sè la ciclosporina in poco tempo crea risultati tricologici strabilianti, non oso immaginare a cosa accadrebbe se venisse affiancata alla fina al posto del minox. a tal proposito non ci sono mai state ricerche per quanto mi riguarda. potremmo essere i primi scopritori di una nuova cura contro l'AGA. ahahahhahahaha sarebbe fantastico. giuro, avevo seriamente preso in considerazione la cosa, peccato ke mi abbiano tolto la ciclosporina dal piano terapeutico. uffa. ti ringrazio per la disponibilità paolo, e ti faccio sinceri auguri per il tuo secondo rene augurandogli lunga vita. a presto!
  2. Salve a tutti...volevo cortesemente porvi una domanda sulla dermatite seborroica al cuoio capelluto ( con croste, seborrea, desquamazioni, ecc..): ho letto da qualche parte che può portare a caduta dei capelli, ed anche a miniaturizzazione. perlomeno finchè non viene curata. volevo gentilmente sapere da voi se questo è vero. un saluto a tutti.
  3. 6 anni di fina? ammazza.....con ke situazione eri partito al livello di capigliatura, prima di assumerla? ti ha mantenuto? hai avuto sides?
  4. Salve a tutti del forum, volevo porre due domande al dottor gigli: -la prima: ho sofferto di telogen effluvium + dermatite seborroica per circa 4 anni, che ora sono riuscito a risolvere. volevo sapere quanto tempo impiegano, indicativamente, i capelli a riprendersi da un telogen effluvium protrattosi per più di 4 anni e a tornare come prima. -la seconda: ho letto in un sito che i capelli che cadono nella normale fase telogen, hanno il classico aspetto " a coda di topo". sinceramente non ho ben capito in che senso, potrebbe gentilmente illuminarmi dottore? :P la ringrazio.
  5. Ciao heiko, ho avuto modo di seguire tutta la tua situazione e vorrei darti un parere. Ho 19 anni, ed ho sofferto per circa 4 anni di telogen effluvium cronico causato da una mancanza perenne di ferro (a causa di problemi di salute) che non riuscivo mai ad integrare, e una conseguente anemia che mi portava a non avere mai oltre 11 di emoglobina (un valore decisamente bassetto). Il tutto accompagnato da una forte dermatite seborroica mai curata. Posso darti il mio più sincero parere? io credo che oltre ad un AGA, tu abbia anche un forte telogen effluvium che aggrava la situazione già di per sè non buona direi, cosa me lo fà pensare? beh...di solito quando il numero di capelli che cadono è eccessivo, è difficile che ci si trovi in presenza di AGA e basta. anche perchè in un sito ho letto che tanti più capelli si perdono, tanto più è difficile che la causa sia un'alopecia androgenetica (anzi...c'è chi diventa pelato pur perdendo pochissimi capelli al giorno). la quale può essere solo un aggravante. per me st'AGA è stata troppo aggressiva cavolo, e poi ti parlo per esperienza, perchè io ho cominciato a diradarmi in modo simile al tuo a causa di questo effluvio, e appena ho risolto le cause, i capelli sono decisamente migliorati. ovviamente io avevo carenze minerali.....ma nel tuo caso, dato che ho letto che hai già fatto gli esami del sangue ed erano ok, penso che dovresti investigare meglio. anzi, te lo consiglio vivamente. su 30 pagine de forum solo 2 o 3 hanno accennato ad un effluvio, e non capisco perchè. addirittura t'hanno consigliato la DUTASTERIDE (ma stamo a scherzà???). Inoltre anche il fatto che dopo due anni di cure (tra le più accreditate che ci sono attualmente, con risultati conprovati) tu non abbia risolto un'emerita cippa, continuando anzi a perdere una notevole quantità di capelli, con conseguente diradamento eccessivo, mi fà propendere per l'ipotesi AGA più TELOGEN EFFLUVIUM. E vorrei ricordarti che il telogen effluvium non si cura con la finasteride, la quale và ad incidere solo sul dht (e quindi solo sul lato aga). probabilmente è per questo che su di te non ha fatto nulla. ah, un'altra cosa: molti dermatologi sconsigliano l'uso del minoxidil in caso di telogen effluvium, perchè andrebbe solo ad aggravare la situazione. E direi che nel tuo caso tu ne abbia fatto abbondamente uso. sicuramente è dovuto a questo il tuo diradamento "repentino". Naturalmente le mie sono soltanto ipotesi, sei libero di prenderle in considerazione o meno. però se permetti mi metto nei tuoi panni, e avere una situazione del genere a quell'età...beh....me ce roderebbe er c*** pure a me in tutta franchezza. in ultima analisi, direi che dovresti rilassarti un pò di più...lo stress è un fattore che influisce molto sui capelli. poi rischi di entrare in un circolo vizioso senza fine -CAPELLI= +STRESS= -CAPELLI= +STRESS ecc... rilassati dai. vedrai che i tuoi capelli ne risentiranno in positivo. e valuta bene la mia ipotesi. un saluto
  6. grazie della risposta dottore. un'altra cosa: indipendentemente dalla terapia che sto seguendo, in una persona normale per garantire almeno un mantenimento della propria situazione, 0,5mg di finasteride sarebbero teoricamente equivalenti ad 1mg?
  7. Salve a tutti quelli del forum. volevo chiedere a tutti, in particolar modo al dottor Gigli, se per ottenere un semplice MANTENIMENTO dì ciò che si ha in testa in caso di androgenetica (data la giovane età: 19 anni, ed una buonissima situazione di partenza)si potesse ricorrere tranquillamente all'assunzione di 0,5mg di finasteride, anzichè 1mg usato di norma. (anke per limitare eventuali sides) grazie in anticipo a chiunque mi risponderà. ps: volevo precisare una cosa.....assumo da circa 4 mesi un forte inibitore del citocromo enzimatico P450 substrato CYP3A4. per chi non lo sapesse è lo stesso che smaltisce la finasteride nel fegato. una sua eventuale inizibizione comporterebbe di conseguenza una maggiore concentrazione di finasteride nel sangue aumentandone l'emivita e la sua azione terapeutica. volevo sapere se questo poteva andare a compensare il dimezzamento della dose di finasteride rendendo gli effetti sull'organismo (e in particolar modo sui capelli) praticamente identici a quelli che si sarebbero ottenuti con 1mg di finasteride. VE RINGRAZIO TUTTI! :supersorriso:
  8. ciao fa84. guarda, posso dirti che l'ipotesi minoxidil l'ho già valutata, i problemi sono principalemnte 3 1- purtroppo non avrei mai la costanza di mettere una volta al giorno una sostanza del genere su tutta la testa. lo dico perchè mi conosco molto bene. 2- io ho ancora molti capelli, e impiastrarmi tutta la cute con questa sostanza sarebbe praticamente impossibile. dovrei passare un ora davanti lo specchio tutte le sere 3- devi calcolare che sono giovane, esco, ed avere i capelli imbrattati ed unti per quella sostanza non è che sia molto bello. ti dico tutte queste cose perchè ho già provato questo tipo di soluzione. e sinceramente non mi sconfinfera. guarda, ho anche valutato gli effetti della finasteride, e nel caso dovessi avere dei sides di un certo livello, smetterei subito ovviamente. qui sul sito mi è capitato di leggere che tanto prima si inizia a curare l'aga, tanto maggiori sono le probabilità di MANTENERE quello che si ha in testa (a me non interessa la ricrescita sinceramente, anche perkè come già detto x il momento la situazione sembra più che buona.) voi che dite, un minimo di 5 anni, in quanto a mantenimento, potrebbe essere garantito? almeno per ritardare il decorso dell'androgenetica sino ai 25 anni, un'età in cui si è mentalmente più maturi , e si dovrebbe essere in grado di accettare più facilmente il proprio aspetto fisico. ma ora come ora francamente, di ritrovarmi tra due anni con la pelata, non è che sia molto allettante come cosa. anche contando l'età.....non sò se mi spiego.
  9. Salve a tutti quelli del forum e sopratutto agli esperti. Volevo chiedervi gentilmente una cosa: soffro di caduta di capelli da circa un paio d'anni. a breve avrò una visita dal dermatologo per vedere se conferma la diagnosi di androgenetica o meno. nel caso io soffrissi effettivamente di calvizie allo stadio iniziale (e quindi non di un effluvio cronico come ho sempre pensato), iniziare una cura col propecia adesso (dato che in testa ho praticamente una buonassima situazione, x il momento. non si direbbe che perdo i capelli, dato che sono ancora abbastanza folti a parte qualcosina sul vertex) in quali risultati posso sperare? nel caso mi rivelassi non dico un buon, ma almeno discreto risponditore al farmaco, posso sperare in un mantenimento della capigliatura? se sì, per quanto tempo, data la buonissima situazione di partenza? ringrazio chiunque risponderà alla mia domanda. un saluto ragazzi
  10. La ringrazio vivamente per la sua risposta immediata dottore. Ho prenotato comunque a breve, una visita con una dermatologa di roma a cui potrò spiegare meglio la mia situazione. Dottore, se mi permette vorrei farle un'altra domanda: ma con un leggero diradamento, sopratutto al vertex, dovuto ad un telogen effluvium cronico, è possibile rispondere cmq bene alla terapia con propecia? (le chiedo questo perchè all'epoca per circa 8 mesi assunsi propecia, e la situazione al vertex sembrava essere decisamente migliorata. ora comunque sono 4 mesi che l'ho sospesa, e peggioramenti evidenti onestamente non sembrano esserci. ps: voglio precisare che attualmente assumo ciclosporina alle dosi di circa 360mg al giorno come terapia immunosopressiva post-trapianto, che come effetto immediato sui capelli, se devo essere sincero, oltre a scurirli, ha portato ad una importante ri-pigmentazione dei capelli che prima sembravano depigmentati, vellus sulle tempie comprese. Potrebbe essere dovuto a questo un non-peggioramento di una eventuale aga non più curata con propecia? La ringrazio in anticipo dottore, e attendo una sua risposta.
  11. Salve a tutti quelli del forum. Innanzitutto mi presento, sono un ragazzo 19 enne da Roma e scrivo per porgervi un quesito (rivolto specialmente agli esperti del sito) Volevo sapere se un telogen effluvium (causato da un prolungato uso di eparinoidi a causa emodialisi,e perenne carenza di ferro) aggravato da dermatite seborroica molto aggressiva ( caratterizzato da perenne infiammazione della cute, croste, capelli grassi, prurito, e copiosa perdita di capelli ) non curato per quattro lunghi anni, può portare ad una sintomatologia simile a quella di un alopecia androgenetica, quindi con -abbondante caduta di capelli, tra i quali spicca la presenza di numerosi capelli miniaturizzati e depigmentati.... -diradamento e leggera depigmentazione localizzata in generale su tutta la parte superiore della testa, ma particolarmente nel vertex dove si note un diradamento maggiore. Preciso in oltre ke nella mia famiglia gli unici parenti pelati (che hanno perso precocemente i capelli) sono i fratelli di mia mamma (pensò perchè il LORO nonno MATERNO era pelato).....mentre sia mio padre, ke i nonni materni di ENTRAMBI i genitori nonostante l'età continuano a mantenere una folta chioma (mio nonno paterno è morto ke era pieno di capelli, e quello materno ne ha ancora molti). Alla luce di tutto ciò chiedo agli esperti se è possibile che un telogen effluvium come quello descritto, portato avanti per quattro anni, possa causare apparentemente danni ai capelli simili a quelli dell'alopecia, oppure che considerando anche l'ereditarietà (se c'è)è possibile che sia anche alopecia androgenetica ? Contando anche che da quando ho terminato il trattamento con eparinoidi e le riserve di ferro sono riaumentate, la caduta si è arrestata, e i capelli sembrano essersi rinfoltiti. Però la paura rimane sempre.... Un grazie in anticipo a chiunque risponderà alla mia domanda.
  12. Salve a tutti ragazzi. Mi presento: sono un ragazzo 19enne di roma da poco trapiantato (trapianto renale per l'esattezza). Ma non è di questo che volevo parlarvi. Scrivo naturalmente per un problema di capelli. Scrissi su questo forum circa due mesi fà per chiarire alcuni dubbi, ma ora ce ritorno perchè ne sono sorti altri ^_^ Prima di tutto vorrei fare alcune premesse sulla mia storia: -Sono stato dializzato (in attesa di trapianto) circa 4 anni (dai 14 ai 18 anni). Durante tutto questo periodo di tempo ho sofferto di problemi ai capelli e al cuoio capelluto quali -infiammazione della cute accompagnata da fortissimi pruriti, pustole e croste, ed un'aumentata secrezione di grasso ke mi rendeva i capelli unti dopo pokissimo tempo. Inoltre perdevo una quantità enorme di capelli. Comunque ragazzi, c'è da dire che tutto questo era imputabile alla dialisi stessa e all'uso dei farmaci quali l'eparina che causano effluvi, ed è risaputo (tant'è ke ora ke ho smesso di dializzare la situazione si è praticamente normalizzata: niente più pruriti, croste, e infiammazioni, e la perdita si è arrestata). In concomitanta con l'inizio della dialisi, a circa 15 anni ho cominciato a stempiarmi. situazione che si è stabilizzata verso i 16 anni senza più peggiorare. diciamo che ora mi ritrovo con una gran bella stempiatura (con un'attaccatura identica a quella di mio padre, che però a quasi 60 anni è ancora pieno di capelli), che tuttavia me piace e nun me crea particolari problemi estetici. I problemi purtroppo sono altri: verso i 17 anni ho cominciato a notare ke nel corso dei 3 anni di dialisi, la qualità del capello era decisamente cambiata.... il colore era passato da un castano scuro ad un quasi biondino, il vertex era leggermente diradato, mi cadevano parecchi capelli, alcuni dei quali corti e miniaturizzati oltretutto. Notando che la situazione stava peggiorando (pur rimanendo buona in generale), mi decisi a prendere finalmnte appuntamento con una dermatologa a roma, a cui spiegai la mia situazione, e che mi visitò al volo, prescrivendomi propecia con la raccomandazione di avvertirla in caso il farmaco mi avesse dato effetti collaterali. Dopo 9 mesi dall'inizio dell'assunzione di propecia (in cui la situazione al vertex era migliorata) finalemtne faccio questo tanto agoniato trapianto (eh sì... :lol: ) a causa del quale però ho dovuto sospendere a mio malincuore il trattamento con propecia. Ora, dopo 4 mesi di non-assunzione di propecia, i miei capelli paradossalmente (penso anche grazie all'assunzione della ciclosporina che è un immunosoppressore che si dà in questi casi e che porta ipertricosi) sembrano essere tornati voluminosi e più scuri. Allora mi è sorto un dubbio: ma siamo sicuri che io soffra di ANDROGENETICA? Tengo conto del fatto che mio padre e tutti i parenti a lui connessi (e sottolineo TUTTI) non hanno problemi di capelli, e ke anzi, nonostante l'età non mostrano nemmeno segni di diradamento, e che dalla parte di mia madre gli unici pelati da una vita sono i suoi due fratelli maschi, mentre mio nonno materno a 80 passati ha ancora una chioma da far paura (l'unico pelato era il padre di mia nonna materna...quindi credo che i miei zii abbiano preso da lui). Dopo tutte queste considerazioni vi chiedo, confidando nel vostro aiuto: Ma è possibile che un telogen effluvium (causato da farmaci assunti x lunghi periodi, anemia persistente, e perenne carenza di ferro dovuti alla situazione) e una forte dermatite seborroica non curati per 4 anni possano portare gli stessi sintomi dell'AGA quali: -miniaturizzazione e depigmentazione del capello su tutto lo scalpo e non solo sul vertex -diradamento accentuato sul vertex, ma anche (in misura decisamente minore) su tutto lo scalpo -copiosa perdita di capelli? In sostanza, un telogen effluvium accompagnato da una forte dermatite seborroica trascurato per 4 anni, può portare gli stessi sintomi della calvizie come sopra descritti? Confido nel vostro aiuto ragazzi. Grazie.
  13. ahahahahahahahahahahahah, grazie! cmq si, la procedura ke di solito si segue è proprio quella de ridurre via via il cortisone sino a dei livelli minimi che non causino gravi effetti collaterali. e cmq non mi sognerei nemmeno lontanamente di sospendere da solo i farmaci antirigetto. ci mancherebbe XD quello che volevo sapere io era non se il CORTISONE causasse perdita di capelli, ma se la CICLOSPORINA (ke ank'essa causa ipertricosi) potesse non dico bloccare, ma almeno ritardare il progredire della mia calvizie, contando che qualche tempo fà si pensò addirittura di impiegarla in soluzione topica per curare l'aga (progetto ke venne abbandonato perchè la molecola risultò troppo grande da essere per essere assorbita topicamente).
  14. Salve a tutti ragazzi. Ho 19 anni e sono nuovo del forum. volevo porre una questione a tutti voi del sito, e agli specialisti in particolare. Inizio col descrivere la mia situazione: a 14 anni entro in dialisi per problemi renali (robetta superata, tranquilli). immediatamente con l'inizio del trattamento comincio a stempiarmi e a perdere una gran quantità di capelli (telogen indotto da farmaci come l'eparina credo, che sono una consuetudine in questi casi), il tutto abbinato ad una pelle che è continuamente arrossata, prude,e che si riempie di bolle e croste dopo ogni seduta, associato a dei capelli perennemente grassi (non vi dico i pomeriggi interi passati a grattarmi). Questa situazione si è protratta per tutto il periodo in cui ho fatto dialisi (circa 4 anni) L'anno scorso (ottobre 2008, periodo in cui ero ancora sottoposto a dialisi) noto che oltre alla continua caduta di capelli, e alla dermatite seborroica (diagnosticatami in seguito), si comincia ad intravedere un diradamento generale al vertex e un pò su tutta la parte superiore dello scalpo. i capelli nella parte superiore della testa avevano inoltre acquisito un colorito appena più chiaro rispetto al resto della testa, e sembravano (anzi erano) diventati più fini e opachi. in generale cmq, la situazione era ancora abbastanza buona. A quel punto decido di affrontare la situazione, e prendo tempestivamente appuntamento con una dermatologa che, dopo un breve colloquio ed una breve visita, mi prescrive PROPECIA (descrivendomi anche i famosissimi sides di cui tanto si parla...e che sinceramente non saprei se ho avuto o meno, poiché la dialisi dì per sé dà un calo della libido). Stà di fatto che dopo 9 mesi di assunzione di finasteride, la situazione in testa era migliorata parecchio: i capelli erano tornati più scuri, sembravano essersi rinfoltiti, e i risultati più belli si sono visti sul vertex che non sembrava aver mai avuto problemi. cosa notata da tutti tra l'altro. Sta di fatto che dopo questi famosi 9 mesi di trattamento(parliamo di questo luglio) fortunatamente arriva la tanto attesa chiamata per il trapianto. Ora tralascio tutti i convenevoli vari, e arrivo al sodo: -il medico che mi ha in cura decide (a mio grande malincuore) di farmi sospendere il trattamento con propecia, affermando (dopo aver letto brevemente su internet cosa fosse il propecia -.-') che questo poteva influire con l'assorbimento della ciclosporina (farmaco immunosoppressore immancabile in questi casi) poiché entrambi venivano metabolizzati dal CITOCROMO P450 del fegato. -la mia attuale terapia farmacologica (da seguire a vita) comprende tra l'altro CORTISONE (che verrà tuttavia portato a dosaggi minimi) e CICLOSPORINA (entrambi per via sistemica naturalmente). Piccola precisazione: Una cosa che ho notato a due mesi circa di distanza dal trapianto, è che i problemi al cuoi capelluto si sono praticamente risolti fin da subito. Niente più arrossamenti, pruriti, bolle e croste varie. e sopratutto sembra anche essersi arrestata la caduta abbondante di capelli (telogen) di cui soffrivo prima, e di questo non posso che essere felice. (tranquilli ^^ lo sò benissimo che il merito è sopratutto del cortisone che ha risolto la situazione! eheheheheh) Ora, le domande che volevo gentilmente porre agli specialisti (e a voi) sono queste: -la prima: sappiamo tutti che la ciclosporina oltre ad essere un immunosoppressore, tra gli effetti collaterali dà anche ipertricosi. Volevo sapere se questo vale solo per i peli, o anche per i capelli? e se una terapia combinata cortisone/ciclosporina può bloccare o perlomeno ritardare l'avanzamento dell'aga? (andando così a tamponare l'interruzione della finasteride.) -la seconda: ho letto su vari siti (ed è scritto anche sul foglietto illustrativo del farmaco) che la finasteride è sì vero che viene metabolizzata dal CITOCROMO P450, però è anche specificato che "La finasteride non sembra influenzare in modo significativo il sistema enzimatico citocromo P450". quindi chiedo: un eventuale ritorno alla finasteride, potrebbe causare come dice il mio medico, un'effettiva interazione con la ciclosporina? Oppure non ci sono rischi calcolando che il citocromo p450 è addetto alla metabolizzazione della maggior parte dei farmaci che assumiamo?(non che non mi fidi del mio medico, ci mancherebbe. solo che la risposta mi è stata data sulla base di una cosa letta lì al volo. quindi volevo cmq chiedere il parere ad un esperto.) -l’ultima: nel caso in cui non sia possibile un ritorno al propecia, sono destinato a ritrovarmi calvo precocemente? XD o esistono terapie alternative? Vi prego, non nominatemi il minoxidil, poiché l’ho provato, ed è stato una tortura. Preciso che ad oggi la situazione in testa è decisamente buona, e che dal giorno del trapianto, nonostante abbia interrotto il propecia, i capelli sembrano essere migliorati (sarà un’impressione mia? ), ma vorrei ritardare al max l’evoluzione di questa calvizie. Sapere che avrei dovuto interrompere con la finasteride e stato sinceramente un po’ una sorta di trauma. Immagino che chi abbia problemi di capelli (cioè voi ragazzi) possa capire. La mia speranza era che la ciclosporina assunta per via sistemica potesse in qualche modo avere un effetto simil-propecia, anche perché ho letto in giro che era una delle candidate preferite per una futura terapia anti-calvizie proprio per quel suo noto effetto collaterale. Vi ringrazio per la cortese attenzione, e attendo impaziente le vostre risposte (soprattutto dagli specialisti). Saluti
×
×
  • Create New...