Vai al contenuto


Foto

Più Sedute Di Fue


  • Per cortesia connettiti per rispondere
2 risposte a questa discussione

#1 ginetto

ginetto
  • Salusmaster User
  • 397 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2004 - 07:22

se un paziente si sottopone ad un trapianto di FUE , e dopo qualche tempo si vuole risottoporre ad un'altro trapianto di FUE deve andare dal solito chirurgo ?
che magari ha fotografato la zona del primo prelievo mappandola, e sa andare a prendere nuove uf in una zona vergine .

oppure indifferentemente per il secondo trapianto si possono prendere le uf in qualunque parte (ovviamentein zone non affette da aa ) e quindi si può andare da un'altro chirurgo ?

perchè avevo letto in un post che un medico autorevole ,aveva detto che le uf che si trovano intorno alle uf trapiantate con la fue non erano più valide per un eventuale sucessivo trapianto o perlomeno erano poco valide.

#2 cripto

cripto
  • Salusmaster User
  • 603 Messaggi:

Inviato 31 marzo 2004 - 12:01

Guarda, non ho idea se un chirurgo fotografi la zona per essere piu sicuro di prelevare le UF giuste in futuro... se lo fa, probabilmente è al solo scopo di documentare l'intervento.

Molto piu semplicemente un paziente sa da in che zona il chirurgo gli ha prelevato le UF, sia perche li ci sono stati i buchi e sia perche la zona è stata probabilmente rasata.

Non credo che, se il prelievo è stato fatto correttamente, il chirurgo debba scartare le UF vicine perche non buone. Molto piu probabilemente è meglio prendere le UF dove sono piu fitte e quindi per rendere invisibile il prelievo delle UF e meglio non prenderle tutte adiacenti. Ma il secondo chirurgo saprà di sicuro scegliere le zone adatte.

#3 Dott. Massimo Morselli

Dott. Massimo Morselli
  • Salusmaster User
  • 156 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2004 - 09:21

perchè avevo letto in un post che un medico autorevole ,aveva detto che le uf che si trovano intorno alle uf trapiantate con la fue non erano più valide per un eventuale sucessivo trapianto o perlomeno erano poco valide.



Ha letto bene: anche se poco visibili (non "invisibili" come qualcuno sostiene), le piccole ma profonde cicatrici da prelievo FUE ci sono, e possono distorcere i follicoli contigui, rendendone problematica l'estrazione. Questo è il motivo principale per cui chi pratica la FUE lavora su spazi molto ampi (per distanziare i singoli prelievi) rischiando di fuoriuscire dall'area donatrice, e in tempi ravvicinati se vuole trapiantare molte FU: una seduta al giorno, per prelevarle prima che si formino le cicatrici.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi