Vai al contenuto


Foto

Uso del "multi-bladed knife"


  • Per cortesia connettiti per rispondere
4 risposte a questa discussione

#1 conguero

conguero
  • Salusmaster User
  • 281 Messaggi:

Inviato 19 giugno 2003 - 02:16

Tanto per vivacizzare il forum che in questi giorni langue:
1)Vorrei sentire alcuni pareri sull'uso del bisturi multi lama "multi-bladed knife" per prelevare tessuto dall'area donatrice.
Ho letto che lo utilizza anche il Dott. Tesauro.
Io ho già una mia idea in proposito ma prima voglio sentire altri pareri per non influenzarvi.
2)Una area donatrice abbastanza elastica può permettere il prelievo di una strip fino a cm.2 senza indurre una cicatrice troppo visibile?

#2 ilciumbia

ilciumbia
  • Salusmaster User
  • 104 Messaggi:

Inviato 19 giugno 2003 - 09:07

Intervengo ancora io per esporre il pensiero dei tanti chirurghi a Roma.

L'utilizzo del bisturi monolama o bilama e' controverso. Alcuni preferiscono il monolama perche' dicono che e' piu' facile seguire l'andamento naturale del cuoio capelluto e anche limitare la transezione dei bulbi, permettendo inoltre di effettuare piu' facilmente un'incisione "a occhio", cioe' non rettangolare ma, appunto, dalla forma di occhio; altri invece preferiscono il bilama perche' dicono che velocizza il lavoro e che permette di ottenere un'incisione piu' precisa e regolare , ottenendo in tal modo una cicatrice migliore; la dottoressa americana di cui ora mi sfugge il nome, addirittura, usa bisturi a tre o quattro lame, perche' in tal modo prepara delle strip "quasi pronte" per la dissezione dei grafts, che non devono essere cioa' ulteriormente assottigliate.

Da quello che ho colto a Roma, mi sembra sinceramente un problema secondario rispetto ad altri aspetti.

Ciao

Ciumbia.

#3 conguero

conguero
  • Salusmaster User
  • 281 Messaggi:

Inviato 19 giugno 2003 - 10:26

Complimenti Ciumbia hai tratto moltissime informazioni dal convegno di Roma peccato che non sono venuto anch'io.
Ti ricordi se c'era qualcuno in rappresentanza del NHI dei dottori Rassman e Bernstein?
Sto rileggendo "con fatica" il loro libro THE PATIENT'S GUIDE TO HAIR RESTORATION e devo dire che non ho mai trovato un'opera di tale livello.
Per chi fosse interessato basta fare richiesta e ve lo spediscono gratis www.newhair.com

#4 Guest_Dott. Morselli_*

Guest_Dott. Morselli_*
  • Ospite

Inviato 20 giugno 2003 - 10:52

Si può usare ogni tipo di bisturi, a patto di minimizzare il rischio di amputare follicoli. I multilama non hanno lo scopo di ridurre tale rischio, ma di accelerare il processo di preparazione dei graft. Anche la forma della strip ha importanza nell'evitare transection, e quella a ellissi non è certo la migliore.
Dott. M. Morselli

#5 ilciumbia

ilciumbia
  • Salusmaster User
  • 104 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2003 - 10:39

Forse non mi sono espresso benissimo, chiedo scusa. Ci riprovo:

-il bisturi multilama fa correre qualche rischio in piu' di transection dei follicoli, ma presenta il vantaggio di velocizzare la preparazione dei grafts (come ha detto il dott. Morselli);

il bisturi multilama permette un'incisione piu' diritta, permettendo quindi di avere due lembi di cute che combaciano perfettamente, tuttavia costringe a qualche sforzo aggiuntivo quando e' ora di "finalizzare" l'incisione ai bordi, nel senso che ovviamente non si puo' estrarre una strip rettangolare; ai due lati non sapresti come cucire!

@sansone2003: non mi pare che ci fosse nessuno, devo tuttavia controllare gli appunti e il programma.
Ribadisco, e' stato molto interessante, ma occoorreva essere molto motivati e molto curiosi, perche' due giorni di conferenze, dalle 8.30 del mattino alle 19.00 di sera, un po' in italiano e un po' in inglese, vi assicuro che sono state pesanti! Pero' lo rifarei anche domani! Per l'anno prossimo, se il prof. Buttafarro legge queste righe...

Ciao

Ciumbia.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi