Vai al contenuto


Foto

Sono stato al congresso ISHR a Roma...


  • Per cortesia connettiti per rispondere
44 risposte a questa discussione

#21 fin

fin
  • Salusmaster User
  • 643 Messaggi:
  • Località:napoli

Inviato 30 maggio 2003 - 10:24

ciumba sei veramente un grande e ti ringrazio a nome di tutto il forum per il tuo rilevante ma soprattutto oggettivo contributo alla nostra causa comune!!sono stato di recente dal dott. ciro de sio il quale mi ha detto che per ora la mia situaazione non era tale da necessitare di un intervento!mi curo con propecia da 1 e mezzo e la situazione si e' stabilizzata!!!hai detto che anche a te hanno sconsigliato per ora l'intervento qual'e' la tua attuale situazione??ti curi con la finasteride e poi visto che ho letto che il congresso verteva anche su una parte medica quali sono state le valutazioni degli esperti sulla finasteride???grazie mille

#22 nocalvono

nocalvono
  • Salusmaster User
  • 373 Messaggi:
  • Località:Italy
  • Interessi:cure anticalvizie

Inviato 30 maggio 2003 - 10:25

x Tesauro e Ciumba
Ma allora è possibile ridurre la cicatrice dietro fino a renderla invisibile?
Si fà il solito esempio di A.Conte,li ha portati persino rasati.
Se cosi' fosse la tecnica tradizionale è sicuramente da preferire.

x Ciumba ,alla fine da chi ti faresti operare?

#23 ilciumbia

ilciumbia
  • Salusmaster User
  • 104 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2003 - 01:11

Il dott. De Sio mi ha fatto un'ottima impressione: anche lui e' uno che sa il fatto suo. Io mi curo da circa 4 anni con fina, in piu' ho qualche topico (minox, estrogeni coniugati, estrone, 17 alfa estradiolo, idrocortisone) e serenoa repens.

La mia situazione, a detta di Saphiro (anche se era senza occhiali!) e' quella di avere circa 30 uf/cm2, di piu' se consideriamo che alcuni capelli sono miniaturizzati. Non fanno volume ma funzionano bene con il toppik, con il quale riesco a migliorare di molto. Per ora, nel mio caso, sarebbe un po' prematuro, tranne che per il dott. Alvi e la fue, con tutte le riserve che ho gia' espresso.

Gli esperti sono tutti concordi: la finasteride va presa, sia per conservare i capelli rimasti, senza i quali il risultato del trapianto andrebbe deteriorandosi, sia anche, pare, perche' aiuta a crescere i nuovi capelli trapiantati.

@nocalvono: Ciumbia!!!

Il problema della cicatrice, credo (Tesauro mi smentisca se sbaglio) non e' tanto quello di ridurla, operazione che sa un po' di "toppa", ma semmai quello di farla bene fin dall'inizio: per esempio, occorre evitare prelievi troppo alti; piu' di 1 cm/1,5 cm di altezza crea una distanza troppo grande tra i due lembi di pelle e contribuisce a peggiorare, a causa della tensione, la qualita' della cicatice. Meglio piu' lunga e bassa che piu' corta e alta (Ron Saphiro in privato). Inoltre oggi tutti cercano di fare megasession, prelevando quante piu' uf possibili... lodevole intento, se con una sessione si riesce a far contenti i pazienti meglio, pero' questo non deve causare un prelievo di 2 cm se no la cicatrice non sparisce.

Inoltre, bisogna evitare di suturare con una sola cucitura, ma farne tre, una per ogni strato, lasciando alla piu' esterna il compito non gia' di tenere insieme la cute a forza, ma solo di avvicinare i lembi nel modo piu' preciso possibile; la forza la devono esercitare gli strati sottostanti.

Da chi mi farei operare? Difficile da dire... credo che ormai tutti abbiano raggiunto un grado di abilita' tecnica soddisfacente per quanto riguarda l'inserimento degli innesti; la differenza la fa, secondo, me, l'attrezzatura e la dote artistica del chirurgo. Mi spiego:

- L'abilita' dell'equipe che compie la divisione della strip nelle singole uf dipende anche dalle condizioni di lavoro dell'equipe stessa: ergonomia della postazione, strumenti a disposizione (microscopi, ferri, illuminazione);

- novita' per quanto riguarda il modo in cui sono conservate le uf in attesa di inserimento: fino a poco tempo fa si appoggiavano su una garza bagnata di fisiologica; Seager consiglia invece di immergerla in fisiologica; il dott. Walter Krugluger li conserva immersi in fisiologica ma a bassa temperatura; oppure in soluzioni usate per conservare altri organi da trapiantare: questo consente di prevenire l'apoptosi (cioe' il trauma derivato dalla mancanza di un substrato metabolico, ovvero i nutrienti). Una appropriata conservazione permette di diminuire il telogen effluvium successivo al trapianto e, in definitiva, di migliorare la vitalita' dei bulbi stessi;

- il senso artistico e la capacita' di capire cio' che vuole il paziente, mediandolo e facendo il possibile per realizzarlo.

Di nuovo: non esiste un vincitore. Chi preferisce densita' estreme in una sessione (area ricevente e donatrice permettendo) dovrebbe rivolgersi a Seager, chi preferisce la fue puo' optare per Cole o andare a Toronto a trovare il dott. Alvi, chi cerca un ottimo professionista in tutti i campi credo che dovrebbe andare a Minneapolis da Saphiro; chi vuole la cicatrice piu' invisibile del mondo puo' rivolgersi a Paul Straub; chi preferisce restare in Italia puo' scegliere tra i tanti nomi dell'ISHR: ogni chirurgo ha i suoi pregi e i suoi difetti, i suoi punti forti e i suoi punti deboli; quali di questi siano importanti per il singolo paziente, e' il singolo paziente che lo deve valutare.

Comunque vorrei ancora precisare una cosa: ho fatto in precedenza i nomi piu' illustri che si sono visti, ma nulla voglio togliere a quelli che non ho citato. Ognuno dei relatori del meeting mi ha dato l'impressione di essere un ottimo professionista ma, soprattutto, attento a non fare danni. Una cosa, infatti che e' stata ripetuta fino alla nausea e' stata "la cosa piu' importante e' la soddisfazione del paziente". Sia per motivi etici, ma anche per motivi "pratici": un paziente scontento, mal informato, deluso perche' gli avevate promesso cose impossibili, diventera' un incubo, un'ossessione ossessionante, non vi lascera' tranquilli un attimo. In ognuno dei chirurghi presenti ho visto la vera volonta' di non fare trapianti a tutti i costi, perche' ci vogliono guadagnare, anche se il trapianto non e' necessario; ma di procedere solo in quei casi in cui veramente si valuta che il trapianto porterebbe vero beneficio.

Ripeto, per deontologia, ma anche per amore del quieto vivere.

Saluti e scusate la prolissita'!

Ciumbia.

#24 mammo52

mammo52
  • Salusmaster User
  • 204 Messaggi:
  • Località:Firenze

Inviato 30 maggio 2003 - 02:47

Complimenti per il tuo post Ciumbia.. altro che prolisso, è un piacere leggere "relazioni" così precise.

ma, per il diradamento ci puoi dare delle informazioni più precise?
cioè:
se uno è diradato fino a quante uf/cm2 si può arrivare senza danneggiare i capelli già presenti?

è meglio trapiantare una persona completamente calva sulla chierica per esempio (come io credo) oppure al chirurgo non gliene può fregà di meno perchè può restare abbastanza lontano con qualità soddisfacente ai follicoli buoni?

grazie
ciao

#25 Raiden

Raiden
  • Salusmaster User
  • 1325 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2003 - 07:54

e se ad una persona manca sono una piccola porzione di parte frontale?Il trapianto può ridarti una bella capigliatura,opure bisogna sempre lavorarci di toppik?

#26 ilciumbia

ilciumbia
  • Salusmaster User
  • 104 Messaggi:

Inviato 31 maggio 2003 - 12:27

Ciao di nuovo,

guarda, Saphiro dixit:

fino a 30-35 uf/cm2 e' abbastanza facile;
fino a 40-45 devi essere bravo;
fino a 50-55 devi essere MOLTO bravo, e avere un'equipe in perfetta sintonia.

E' chiaro che trapiantare su una zona glabra facilita il lavoro al chirurgo, pero' tieni presente che la tendenza di molti e' di "ottimizzare" la riserva di uf a disposizione (concetto di zona donatrice come "banca" dalle risorse limitate), posizionando gli innesti nelle zone cosmeticamente piu' rilevanti, tralasciando le altre... al limite tralasciando proprio la chierica, se il chirurgo pensa che esteticamente e cosmeticamente le uf siano piu' appropriate messe da un'altra parte... si' direi proprio che la chierica ha un'importanza di serie B un po' per tutti i chirurghi, che prediligono altre zone (Saphiro per esempio la zona centrale, creando, ove possibile, il cosiddetto "picco della vedova", Seager invece tutta la linea frontale e la zona immediatamente posteriore, dando a quelle zone grande densita', tralasciando il resto... sono scelte).

Se ti manca una piccola parte di linea frontale, sicuramente puoi ottenere buoni risultati, pero' resta da vedere se quello che tu pensi sia "piccolo" lo e' poi davvero... si fa in fretta, anche con pochi cm2 (e spesso non sono cosi' pochi come si potrebbe pensare) a fare molte uf, se vuoi alta densita'... senza contare la cosa piu' importante, cioe' capire quale potrebbe essere l'evoluzione futura della calvizie... per evitare di restare con una stupenda coroncina di capelli e poi tabula rasa dietro (che, detto tra noi, e' un po' l'aspetto che ha David Seager... Mi raccomando, non ditelo in giro, e' confidenziale, per pochi intimi!!!).

Riguardo alla questione toppik: vorrei che anche il dott. Tesauro intervenisse, ma io ho un sospetto: che il toppik funzioni meglio quando hai ancora molta densita' (magari 60 o 70 uf/cm2) anche se la maggior parte dei capelli sono miniaturizzati o velli. Infatti il toppik si attacca ai capellini piccoli e li fa sembrare piu' voluminosi, ma nel caso del trapianto ci sono capelli gia' grossi e ben formati circondati, di solito, dal nulla. In queste condizioni, ho la sensazione che il toppik non possa dare il meglio di se'. Io stesso lo noto su me stesso adesso che sono in periodo di violento telogen effluvium .
Noto che, ora che la mia densita' e' bassa non perche' i capelli siano miniaturizzati, ma perche' molti capelli terminali se ne sono andati lasciando il follicolo vuoto, che il toppik non lavora piu' bene come tre o quattro mesi fa, nel senso che e' molto piu' evidente la polverosita' sulla cute, piuttosto che la struttura piu' corposa dei capelli.
Tuttavia questa e' solo una mia opinione, se qualcuno mi puo' smentire molto meglio...

Ciauz

Ciumbia

#27 Guest_Dott. Morselli_*

Guest_Dott. Morselli_*
  • Ospite

Inviato 02 giugno 2003 - 11:45

I recenti congressi di Roma della ISHR (26 – 27 maggio) e di Berlino della ESHRS (29 maggio – 1 giugno) hanno sostanzialmente confermato le odierne tendenze in tema di chirurgia della calvizie, già emerse al congresso di Chicago della ISHRS (9 - 13 ott.'02): vantaggi e limiti della tecnica tradizionale, dei quali i membri di “Salusmaster” sono ben consapevoli, dubbi e incertezze sulle nuove proposte, in primis la FUE.
Il dott. Shapiro ha confermato quanto sta emergendo dalle prime verifiche cliniche su questa tecnica, che ha indicazioni per ora limitate, e che si deve considerare ancora sperimentale, visto che i primi dati sono stati ufficialmente presentati da meno di un anno.
Alle stesse conclusioni è giunto il prof. Uebel, che sta sperimentando la FUE all’Università di Porto Alegre, che è per ora molto dubbioso sulle sue reali possibilità di utilizzazione pratica, vista la sua indaginosità, l’alto consumo di farmaci (occorre più anestetico locale per il prelievo che per l'impianto) e soprattutto l’alta percentuale di danno ai follicoli.
Vorrei rammentare che la FUE è una tecnica di prelievo, non d’impianto, e che le unità follicolari estratte con la FUE vengono poi trapiantate esattamente come quelle ricavare dalle strip: per sottili che siano i punch, non è corretto affermare che le FU ricavate con la FUE sono più piccole, in quanto le dimensioni delle FU le stabilisce madre natura, come non è lecito affermare che si possono raggiungere maggiori densità d’impianto: comunque si effettui il prelievo, a maggiori densità d'impianto corrispondono inevitabili rischi di sopravvivenza delle FU.
Quanto alle cicatrici provocate dalla tecnica tradizionale, queste non sono più un problema da quando si praticano le megasession: l'aspetto finale della cicatrice dipende anche da una buona tecnica di sutura, ma principalmente dal numero di prelievi che vengono eseguiti nella stessa area: a parità di numero di FU ricavate, la cicatrice che residua dopo prelievi multipli di sedute “standard” sarà inevitabilmente più visibile di quella che residua da un unico prelievo per megasession eseguito correttamente.
Delle quattro “mega” eseguite a Modena la scorsa settimana, due sono state dedicate a pazienti già operati varie volte in Italia. A fronte delle notevoli problematiche offerte da questi due pazienti, sia nei riguardi delle vecchie cicatrici che delle sedi d’impianto, gli altri due interventi su pazienti "vergini", pur avendo comportato un notevole impegno (sono stati trapiantati circa 4.000 follicoli ciascuno) sono stati eseguiti senza problemi, e avranno risultati sicuramente ottimi sia nell'area ricevente che in quella donatrice.
Dott. M. Morselli

#28 ilciumbia

ilciumbia
  • Salusmaster User
  • 104 Messaggi:

Inviato 03 giugno 2003 - 01:15

Dott. Morselli,

grazie per la precisazione, concordo su tutto cio' che dice, tranne che per alcuni particolari (in quanto, si badi bene, le informazioni che ho ricevuto sono diverse, ma non certo perche' siano farina del mio sacco!)

1- il dott. Antonio Alvi di Toronto afferma che non e' difficile prelevare le uf tramite FUE senza danneggiare i follicoli; lui ha detto che basta sperimentare con 4-5 prelievi per capire l'orientazione dei follicoli. Dice ancora di essere in grado di prelevare un migliaio di grafts durante un intervento della durata di 8 ore.

2- Sempre lui afferma che i prelievi dei grafts effettuati tramite FUE sono piu' piccoli in quanto non hanno intorno a loro lo strato di grasso che invece viene lasciato durante la dissezione al microscopio dei grafts ottenuti dalla strip; alla mia obiezione se i follicoli sopravvivessero ugualmente senza il rivestimento lipidico, lui ha affermato con decisione di si'. Tuttavia, questo non ha convinto Ron Saphiro, il quale, come il dott. Morselli, afferma che la dimensione del graft e' indipendente dalla tecnica di prelievo; come ho gia' detto, mi fido ciecamente di Saphiro, pero' allo stesso tempo vorrei capire come Alvi potrebbe fare queste affermazioni se non fossero veritiere;

3- Saphiro sottolinea che la qualita' della cicatrice dipende, oltre che dal tipo di sutura e dai materiali utilizzati, anche dall'elasticita' della pelle dell'area donatrice; una pelle tesa dara' una cicatrice peggiore di una pelle elastica. Inoltre dipende dall'altezza della cicatrice stessa: visto che incisioni piu' alte di 1-1.5 cm possono dare delle cicatrici problematiche, per le megasession con troppi bulbi trapiantati il rischio e' di prelevare una strip troppo alta e percio' di pregiudicare la qualita' della cicatrice.

Ripeto, riporto semplicemente le opinioni dei chirurghi, non prendetevela con me!

Saluti

Ciumbia.

#29 Karime

Karime
  • Salusmaster User
  • 565 Messaggi:
  • Località:europe

Inviato 03 giugno 2003 - 01:34

..visto?? non si capisce niente! chi dice una cosa, chi ne dice un'altra.

#30 Karime

Karime
  • Salusmaster User
  • 565 Messaggi:
  • Località:europe

Inviato 03 giugno 2003 - 01:55

http://www.hairsite2..._microprose.htm


..un trapianto fue dell dott alvi

#31 Aragorn

Aragorn
  • Salusmaster User
  • 844 Messaggi:

Inviato 03 giugno 2003 - 05:46

Direi che questo post di Cole chiude il discorso sulla transection con la FIT/FUE (notate bene con un punch di 0,5 mm !!!).
http://www.hairsite4...rumID6/583.html

Ritengo stucchevole ripetere che la cicatrice da strip è definitiva e non ci sono tecniche esistenti al mondo per eliminarla, al limite è possibile solo ridurla.
La FIT/FUE se ben eseguita non lascia segni visibili, ci sono decine di foto che lo dimostrano con capelli ad 1 mm e questo è sicuramente vero per prelievi che non superano il migliaio di u.f.
Per chi è in uno stato non avanzatissimo di calvizie la FIT/FUE è la risposta (Woods, Cole, Jones, Alvi, Gho, etc.), per i casi molto avanzati la strip con megasession (3-4K u.f.) rappresenta una risposta immediata per aree estese (Hasson, Shapiro, etc).

#32 garcia76

garcia76
  • Salusmaster User
  • 380 Messaggi:
  • Località:roma
  • Interessi:tanti

Inviato 03 giugno 2003 - 06:54

A proposito di Alvi,non credete che alcuni suoi pazienti before/after della galleria nel suo sito www.dralvihairtransplant.com siano veramente stupefacenti?!Sembra che il Dr.Alvi abbia una tendenza a piazzare le hairlines molto molto basse e inoltre tende a chiudere gli angoli laddove la maggior parte dei chirurghi lo sconsiglia.Cosa ne pensa il Dr.Morselli?Conosce Alvi?Mi sembra un chirurgo un pò pioniere,per non dire spregiudicato...Sbaglio?

#33 Karime

Karime
  • Salusmaster User
  • 565 Messaggi:
  • Località:europe

Inviato 03 giugno 2003 - 07:43

Mitico Aragon!

#34 Dott. Tesauro

Dott. Tesauro
  • Salusmaster User
  • 352 Messaggi:
  • Località:Na

Inviato 03 giugno 2003 - 08:57

Cari Amici del Forum

Il lavoro congressuale mi ha molto stancato e mi dispiace essere latitante come al solito.

Due note circa questa "benedett tecnica" FUE.
Antonio Alvi, felice chirurgo trapiantato, ha scelto per se un prelievo con cicatrice lineare. E' praticamente invisibile.

Meditate gente.

PS
Il Dott. Antonio Alvi propone la FUE a 15 $ a UF ....

Meditate 2 ....

Un affettuoso saluto

Dott. Tesauro

#35 boro

boro
  • Salusmaster User
  • 2716 Messaggi:
  • Sesso:Sconosciuto

Inviato 03 giugno 2003 - 09:58

http://www.dralvihai...e_pictures.html

SCUSATE! Ma uno che si trapianta avendo una testa così,non so,ditemi voi....

#36 Karime

Karime
  • Salusmaster User
  • 565 Messaggi:
  • Località:europe

Inviato 04 giugno 2003 - 12:35

le ho viste tutte le foto...incredibile!


#37 visper8

visper8
  • Salusmaster User
  • 22 Messaggi:

Inviato 04 giugno 2003 - 01:36

10 $ a UF non 15, cioé circa 10 euro, tale e quale quanto richiesto al dhi di Atene.
Forse il dottor Tesauro sbaglia i dollari canadesi con statunitensi...

#38 Guest_Dott. Morselli_*

Guest_Dott. Morselli_*
  • Ospite

Inviato 04 giugno 2003 - 10:27

Ciumbia e Aragorn:
la presenza dello strato adiposo attorno alla FU è l’unica garanzia che la stessa FU sia stata estratta integra. Il dott. W. Rassman, unico finora ad aver documentato le proprie esperienze sulla FUE, attribuisce notevole importanza a tale strato, al punto di considerare non trapiantabili le FU che presentano “una forte perdita di tessuto adiposo” (FOX Test, classe 4). La scarsa vitalità dei follicoli eccessivamente “scheletrizzati” è stata dimostrata da David J. Seager, che ha notato assottigliamento o mancata ricrescita dei capelli che ne derivano.
L’immagine trasmessa da Aragorn è molto bella, ma non risponde al quesito sui danni alle FU estratte. Si tratta dello spaccato di un frammento di cc dopo estrazione di una FU, che dimostra l’integrità dei follicoli rimasti. Ma è su quelli estratti che verte principalmente il dibattito, in quanto una volta stabilito che per evitare le transections dovute all’angolazione dei follicoli si deve limitare la penetrazione del punch al mesoderma (e su questo punto sono tutti d’accordo tranne il dott. Woods che afferma di praticarla ancora a tutto spessore), è dimostrato che parte dei follicoli si possono frammentare durante l’estrazione, indipendentemente dal loro spessore e dell’apparente resistenza del capello: non esistono al momento parametri conosciuti che consentano di prevedere la percentuale di FU danneggiate con l’estrazione, e il FOX Test surroga questa mancanza.
Quanto al prelievo nucale, se è ben fatto la cicatrice riesce bene: se la cute è poco elastica si limita l’ampiezza della strip in modo da consentire un affrontamento dei margini senza tensione. Al momento della visita, l’elemento elasticità viene valutato assieme alla densità dei capelli nell’area donatrice, per poter pronosticare al paziente di quanti follicoli potrà constare la sua megasession.

garcia76:
non conosco il dott. Alvi, le sue foto saranno senz’altro sincere, ma vorrei ribadire di non basarsi troppo sulle immagini per valutare la qualità di un chirurgo. Se devo dare un parere in base al report di Ciumbia, mi sembra che Alvi sia scivolato su una buccia di banana quando ha affermato che la mancanza di grasso intorno al follicolo non ha importanza per la sua sopravvivenza, e bene ha fatto Ron Shapiro a dimostrare al riguardo le proprie perplessità.

All’amico Dott. Tesauro:
quand’è che vieni a trovarmi a Modena? E’ una città rilassante e... balsamica (nel senso dell'aceto).

#39 dylan7679

dylan7679
  • Salusmaster User
  • 217 Messaggi:

Inviato 04 giugno 2003 - 11:39

Dottore ho cercato di mandarle un messaggio privato dal forum ma il software pare non funzionare oggi,mi intrometto pertanto in questa utilissima ed interessante discussione per chiederle conferma riguardo l'eventuale visita gratuita cui avevamo accenato qualche settimana fa sul forum e per sapere quando ha tempo la settimana prossima per effettuare la stessa....tenga presente che io verrei da Roma quindi preferirei che il tutto si svolgesse di pomeriggio....

mi scuso con tutti per l'intromissione....

#40 BoyRM76

BoyRM76
  • Salusmaster User
  • 1915 Messaggi:
  • Località:Roma
  • Interessi:Calcio

Inviato 04 giugno 2003 - 04:13

Scusa boro...
Ho letto il tuo post: "[URL=http://www.dralvihairtransplant.com/frame_pictures.html]http://www.dralvihairtransplant.com/frame_pictures.html[/U RL]
SCUSATE! Ma uno che si trapianta avendo una testa così,non so,ditemi voi..."

Che volevi dire? Visto che io sto messo più o meno uguale...




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi